GIUA


Poliedrica e versatile, Giua, al secolo Maria Pierantoni Giua, è musicista, compositrice, cantautrice e pittrice.


GIUA – BIOGRAFIA

Vincitrice dei Premi Lunezia, Castrocaro e Recanati (Musicultura), del Mantova Musica Festival e del Festival de Cançó Barnasants di Barcellona. Finalista al Festival di Sanremo nella categoria Giovani nel 2008.

Cinque dischi all’attivo: Giua 2007 e Giua 2008 (Sony Bmg), prodotti da Beppe Quirici e Adele Di Palma; TrE (Egea Music 2012) prodotto e composto a quattro mani col chitarrista Armando Corsi; E improvvisamente (Egea Music 2016) arrangiato dal Maestro Stefano Cabrera degli Gnu Quartet; Piovesse sempre così prodotto dal Maestro Paolo Silvestri, con ospiti importanti: Carla Signoris, Jaques Morelembaum (Egea Music 2019).

Molte le collaborazioni teatrali come autrice delle musiche ed interprete in scena (Festival dei due mondi di Spoleto, Teatro Stabile di Genova, Teatro della Tosse, Teatro dell’Archivolto) e quelle musicali (Riccardo Tesi, Fausto Mesolella).

Di recente ha lavorato con Neri Marcorè nello spettacolo “Quello che non ho”, tre anni di tournée che hanno registrato il sold out nei teatri più prestigiosi italiani.

Nel 2023 replica l’esperienza al fianco di Neri Marcorè con lo spettacolo “La buona novella” per la regia di Giorgio Gallione, che ha debuttato il 13 aprile 2023 al Teatro delle Muse di Ancona.

Ha lavorato con Davide Livermore, regista d’opera e direttore del Teatro Nazionale di Genova, per la realizzazione di “Human Pride”, brano che accompagna la stagione teatrale, inoltre ha scritto insieme a Mario Conte le musiche del nuovo spettacolo, sempre per la regia di Livermore “Maria Stuarda”, che la vede in scena accanto ad attrici del calibro di Elisabetta Pozzi e Laura Marinoni. Lo spettacolo è stato in tournée nei primi mesi del 2023, raccogliendo l’entusiasmo di pubblico tra sold out in tutta Italia e il riscontro positivo della critica specializzata.

Ha pubblicato tre libri per bambini per Gallucci Editore assieme al poeta Pier Mario Giovannone, come autrice ed interprete delle canzoni: Girotondo di elefanti assieme alla mitica Banda Osiris, Piazza Pizza con la voce narrante di Neri Marcorè e Ciao ciao caro babbo Natale con le voci dei Piccoli Cantori di Milano e con quella di Neri Marcorè.

È tra le fondatrici del Coro Popolare della Maddalena, una corale multietnica che accoglie le persone più diverse per estrazione, cultura e provenienza con lo scopo di favorire l’integrazione e l’armonia sociale in un quartiere particolarmente vivace e problematico di Genova. Questo progetto ha attirato l’attenzione delle Istituzioni, di fotografi importanti (Ivo Saglietti e Martina Bacigalupo) e del regista burundese Evrard Niyomwungere che sta realizzando un documentario che ne racconti la storia. Tante le esibizioni dal vivo che hanno portato il coro ad esibirsi su palchi importanti e che ha visto la realizzazione del disco Mesciua.

Con l’ospedale San Martino di Genova porta avanti da due anni il progetto “Parkinsong”, un coro rivolto alle persone affette dalla malattia di Parkinsong con l’intento di migliorarne la qualità di vita e favorire la riacquisizione di alcune funzioni quali il volume e l’espressività della voce.

Come pittrice ha esposto a Shanghai, Genova, Roma, Firenze, Madeira, Malta con mostre personali all’interno dei format Artour-o e Misa ideati dall’architetto Tiziana Leopizzi per l’Archivio di Arte Contemporanea Ellequadrodocumenti.

A giugno 2023 è uscito il suo ultimo singolo “Quella là” che anticipa il prossimo album di inediti su cui sta lavorando.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi