SARA JANE CECCARELLI – MILKY WAY

16 Giugno 2021

 “MILKY WAY”

È IL NUOVO ALBUM DI

SARA JANE CECCARELLI

(Parco della Musica Records – Distribuzione Egea Music)

data di uscita: 11 giugno 2021

È uscito l’11 giugno per Parco della Musica Records “Milky Way”, secondo album della cantante italo-canadese SARA JANE CECCARELLI. Il disco esprime l’indole dell’epoca in cui viviamo, che non allontana l‘idea di contaminazione ma anzi ne vuole esaltare la forza.

Dieci brani, nove in inglese e uno in italiano, in cui trovano posto la rielaborazione, con testo originale di SJC, di “Children’s Song No. 3” di Chick Corea, e la reinterpretazione con riscrittura, in inglese della canzone “Del tempo che passa la felicità” di Motta. In mezzo il viaggio di SJC spazia dall’Africa al funk, dal jazz al folk nordamericano, dal pop al reggae.

L’album è stato anticipato dal singolo e videoclip “Say Africa”:

Sarebbe superfluo collocare SJC e la sua carriera all’interno di un unico contenitore musicale: una delle voci dell’Orchestra Nazionale Jazz Giovani Talenti diretta da Paolo Damiani, corista nell’album di Francesco De Gregori “Amore e Furto” dedicato a Bob Dylan, Pamina nel “Flauto Magico” nell’allestimento dell’Orchestra di Piazza Vittorio, impegnata in spettacoli di teatro-canzone con l’attore e musicista David Riondino. La poliedricità è una delle sue più preziose caratteristiche.

Non si tratta né di una scelta consapevole né di un atto volutamente anticonformista: la scrittura multiforme dell’album Milky Way prende spunto da tutta la musica affrontata dalla cantante come interprete e autrice in questi anni.

SJC esce con un disco pensato per i live, un disco da suonare e da far ascoltare, insieme ai suoi storici musicisti, primo fra tutti il fratello chitarrista, e collega da sempre, Paolo Ceccarelli.

Gli arrangiamenti e la direzione musicale dell’album sono stati curati da Edoardo Petretti, pianista, polistrumentista, recentemente arrangiatore e direttore d’orchestra al Festival di Sanremo 2021 nell’ambito delle Nuove Proposte.

Musicisti presenti nel disco:

Sara Jane Ceccarelli – voce

Lorenzo De Angelis – chitarra acustica / cori

Paolo Ceccarelli – chitarra elettrica / mandolino

Matteo Dragoni – batteria / drum machine

Giacomo Nardelli – basso elettrico

Francesco Fratini – tromba

Angelo Maria Santisi – violoncello

Alessio Bernardi – flauto traverso

Edoardo Petretti – pianoforte / tastiere / percussioni / fisarmonica / cori

TRACKLIST:

  1. I FORGOT LOVE (musica e testo SJC)
  2. SAY AFRICA (musica e testo SJC e Edoardo Petretti)
  3. THERE WAS AN INNOCENT DOG (musica SJC e Edoardo Petretti / testo SJC)
  4. THE SILENT CHOIR (Children’s Song No. 3) (musica e testo: Chick Corea / Original Publisher Universal Music Corp.) Testo originale in inglese SJC
  5. I’M BEING ZAGAZAGAZE (musica e testo SJC)
  6. DEL TEMPO CHE PASSA LA FELICITÀ (Musica e testo Francesco Motta / traduzione in inglese Sara Jane Ceccarelli – Ed. Ala Bianca Group srl)
  7. MILKY WAY (musica Edoardo Petretti / testo SJC e Edoardo Petretti)
  8. IM-PERFECT (musica SJC e Lorenzo De Angelis / testo SJC)
  9. THE LADY’S ALREADY DRUNK (musica e testo SJC)
  10. LA TUA CANZONE (musica SJC e Edoardo Petretti / testo SJC)

Tutti i brani sono prodotti e arrangiati da Edoardo Petretti.

Le tracce sono state registrate a settembre e ottobre 2020 da Gianluca Siscaro presso il Village Recording Studio di Roma.

Le tracce sono state mixate da Ascanio Cusella e masterizzate da Massimiliano Cervini presso gli studi dell’Auditorium Parco della Musica a Roma.

La supervisione della registazione, mix e masterizzazione è a cura di Roberto Catucci.

Distribuzione: Egea Music

GUIDA ALL’ASCOLTO – MILKY WAY

  1. I forgot love (musica e testo SJC)

Un brano che si articola tra venature folk e atmosfere ispirate a Sting, un artista che adoro. Il testo racconta il momento di sospensione in cui il dimenticare cosa sia l’amore è in fondo un lato molto umano del nostro esistere.

  • Say Africa (musica e testo SJC e Edoardo Petretti)

“Music just lies beneath you feet, there’s no need to look too far”, la musica è lì, sotto ai tuoi piedi, senza bisogno di cercare troppo lontano. Un omaggio ai ritmi e alle danze provenienti dall’Africa, alla base di moltissima musica moderna.

  • There was an innocent dog (musica SJC e Edoardo Petretti / testo SJC)

I compositori classici la definirebbero, probabilmente, una promenade. All’interno di una scenografia urbana raccontata dagli occhi di un cane solitario un coro di voci che sembrano simulare l’ululato di un branco; per me uno dei brani più intensi del disco.

  • The Silent Choir (Children’s Song No. 3) (Musica e testo: Chick Corea / Original Publisher Universal Music Corp.) Testo inglese originale SJC

Il grande pianista e compositore Chick Corea nel 1972 pubblica una raccolta di brevi composizioni per pianoforte solo intitolata “Children’s songs”. SJC adatta alla Children’s Song No. 3 il suo testo The Silent Choir. L’orchestrazione intensa e minimale di Edoardo Petretti mette in luce, anche grazie ad un’inaspettata assenza del pianoforte, la grandezza, nella sua semplicità, di questa scrittura. L’autore, poco prima della sua scomparsa avvenuta nel febbraio 2021, ha voluto premiare la rielaborazione autorizzandone la pubblicazione grazie al contributo della Universal Music Corp.

  • I’m being zagazagaze (musica e testo SJC)

Un tradizionale funk-shuffle ci prende per mano e ci accompagna all’interno di un brano che, tramite l’espressione inventata Zagazagaze”, ci sprona alla leggerezza del nostro incedere. “People of the world do not forget that time is only in our mind” mi fa pensare a Peter Fonda, nel film cult Easy rider, che prima di partire a bordo del suo Chopper getta incurante e spensierato l’orologio a terra.

  • Del tempo che passa la felicità (Musica e testo Francesco Motta / traduzione in inglese Sara Jane Ceccarelli – Ed. Ala Bianca Group srl)

Con il desiderio di giocare ho voluto rielaborare in inglese “Del tempo che passa la felicità” di Francesco Motta, trasformandolo in un affresco folk che guarda ai suoni crudi e taglienti della tradizione americana più antica.

  • Milky Way (musica Edoardo Petretti / testo SJC e Edoardo Petretti)

Il brano Milky Way, title track dell’album, vuole omaggiare la nuova musica black americana, dove il jazz e l’hip hop convivono secondo quanto “proclamò” l’immortale Miles Davis nell’album Doo-bop, uscito postumo nel 1992. E’ il suono della tromba di Francesco Fratini, grande talento del giovane jazz italiano, ad arricchire l’intera composizione.

  • Im-perfect (musica SJC e Lorenzo De Angelis / testo SJC)

Le “Im-perfezioni” che caratterizzano tutti noi rappresentano in realtà la nostra forza più intima, quasi un’armatura contro quella perfezione a cui la società di oggi ci invita a tendere. Musica che riporta alle origini della mia carriera, un brano voce e chitarra intenso, composto a quattro mani con il chitarrista Lorenzo de Angelis.

  • The Lady’s already drunk (musica e testo SJC)

Luci e ombre di una Lady aristocratica d’altri tempi sono le protagoniste di questo brano che mira al contrasto tra l’indole dei personaggi e una cornice musicale frizzante e spensierata come il reggae. Spicca nel racconto una scena di vita che descrivo con un rap tutt’altro che consueto.

  1. La tua canzone (musica SJC e Edoardo Petretti / testo SJC)

Potremmo definirla una meta-canzone in cui mi confronto con le difficoltà e con le emozioni del comporre un brano musicale. Unico brano del disco con testo in italiano.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi