LUCIO LEONI – “IL LUPO CATTIVO TOUR”. LE PROSSIME DATE: 09/03 PARMA, 16/03 MILANO, 17/3 RAVENNA, 18/03 MODENA

5 Marzo 2018

LUCIO LEONI

IL LUPO CATTIVO TOUR”

Continua il tour di Lucio Leoni per la presentazione di “Il Lupo Cattivo”, il nuovo disco di inediti pubblicato da Lapidarie Incisioni/iCompany, distribuzione Sony, che gli ha permesso di vincere a dicembre la prima edizione del Premio Freak, il premio dedicato alla figura di Freak Antoni lanciato dal MEI, COOP Alleanza 3.0 e dall’ Associazione We Love Freak, con il sostegno della Regione Emilia Romagna.

Il Lupo Cattivo” è il terzo album per uno dei pochi artisti, in Italia, capaci portare in canzone i monologhi viscerali tipici del teatro interiore, strutture rap e impeti punk, pur mantenendo un forte legame con la tradizione cantautorale italiana.

IL LUPO CATTIVO TOUR”

09.03 Parma – Circolo Arci Zu (Il nuovo Arci Zerbini)

16.03 Milano – Locusta New Generation c/o Serraglio con Paletti

17.03 Ravenna – Kinotto

18.03 Modena – Festival Ore D’Aria @La Tenda

21.03 Bologna – Locomotiv – opening a EDDA

23.03 Asti – Diavolo Rosso

05.04 Roma – Auditorium Parco della Musica – Teatro studio Borgna

07.04 Ivrea (TO) – Lo Zac

Il Lupo Cattivo” è il terzo album per uno dei pochi artisti, in Italia, capaci portare in canzone i monologhi viscerali tipici del teatro interiore, strutture rap e impeti punk, pur mantenendo un forte legame con la tradizione cantautorale italiana.

Lucio Leoni ha presentato il disco “Il Lupo Cattivo” nel GR Rai, a Webnotte e nella rubrica Music Corner di Repubblica.it, curata da Ernesto Assante. E’ stato ospite del programma Kudos di Rai4, di Rai Italia e, con intervista e minilive, del programma Radio 3 Fahrenheit, in diretta dal salone dell’editoria “Più Libri Più Liberi” di Roma il 7 dicembre.

In televisione ha presentato l’album a TGCOM l’8 gennaio

http://www.tgcom24.mediaset.it/2018/video/lunedi-8-gennaio_3044932.shtml

nel Tg di TV2000 e nel Tg di Retesole.

L’album ha già ricevuto le recensioni entusiaste di alcune tra le principali testate nazionali:

Nel nuovo disco Lucio Leoni conferma tutto quel che di buono ci si poteva attendere, componendo 10 canzoni che parlano di emozioni universali e concetti senza tempo, utilizzando la figura del lupo cattivo per costruire una sorta di saggio sull’esistenza.”

Il Fatto Quotidiano e ilfattoquotidiano.it, intervista di Pasquale Rinaldis del 7 novembre 2017

il parlato/cantato è il punto forte, grazie a degli equilibrismi linguistici arriva sempre al punto.”

Il Manifesto e ilmanifesto.it, intervista di Luka Pakarov del 29 novembre 2017

Tutte le curve emozionali possibili da De Andrè […] e Ivano Fossati a Bobby Joe Long’s Friendship Party, da Tenco a The Streets, da Pasolini a James Blake, sono materia di questo generoso secondo album di Lucio Leoni.”

BlowUp, recensione di Piergiorgio Pardo – novembre 2017

L’istrionico cantautore capitolino gioca letteralmente con la musica, mettendola a servizio del suo flusso di coscienza, con estrema libertà e al contempo precisione.”

Rumore, recensione di Barbara Santi – novembre 2017

Leoni ci porta a spasso in un’esplorazione dei sentimenti che fa riflettere, spesso fa sorridere, fa emozionare.”

Vinile, recensione – gennaio 2018

Il Lupo Cattivo”, inoltre, è stato recensito online da testate come Rockol, Tuttorock, Sentireascoltare, Musiccoasttocoast, Ondarock, The Parallel Vision, Vivalowcost, Nightguide, Distopic, Loudvision, Piuomenopop, Nonsensemag e Lester.

Lucio Leoni è un cantautore vero. […] Un cantautore con un punto di vista sicuramente interessante e diverso.”

Rockol.it, recensione di Marco Jeannin del 12 dicembre 2017

In un quadro generale italico abbastanza deprimente in cui chincaglierie adolescenziali con aspirazioni artistiche assai ridotte riempiono palchi impensabili solo fino a dieci anni fa, Lucio Leoni è uno che spicca per la qualità della proposta, e non senza merito.”

Sentireascoltare.it, recensione di Fabrizio Zampighi del 19 dicembre 2017

Arrangiamenti folk, un disco “con la chitarra”, interventi rap, velocità punk e testi impegnati, un uso sapiente delle frasi, tanti riferimenti alla società attuale, poco spazio alle solite rime baciate e strabaciate […] Un disco colto, da ascoltare, da leggere, da sentire.”

Tuttorock.net, recensione di Cristian Brighenti dell’11 dicembre 2017

Giunto al terzo disco, centra la svolta della vita, confezionando undici tracce fuori dal comune. […]Quarantotto minuti densi di idee e colpi di genio come – ahimé – non se ne trovano troppo spesso.”

Ondarock.it, recensione di Claudio Lancia del 28 dicembre 2017

Significati e i significanti si mescolano in costruzioni logiche o illogiche, per farsi dialogo interiore o racconto. La scena indipendente romana, troppo omologata ultimamente, quella che crea prodotti indipendenti facendone bandiere del pop, riesce ancora a stupirci con prodotti originali, brillanti e vincenti.”

Loudvision.it, recensione di Fabiana Criscuolo del 14 novembre 2017

Un album corposo, intenso, ballad con intuizioni folk, apostrofi rap, parentesi punk, testi impegnati e a volte impegnativi, dove il significato diventa significante, per dirla alla maniera di de Saussure. […]Il lupo cattivo è originale, brillante, indipendente nel senso meno mainstream del termine.”

Musiccoasttocoast.it, recensione di Lorenza Nervitto del 14 dicembre 2017

Rispetto al precedente lavoro, però, l’io diventa noi e tocca vette altissime, dove il dialogo interiore vuole parlare a tutti di verità universali e senza tempo. […]Un album emozionante e tutto da scoprire che – come i capolavori rari – non si svela in toto al primo ascolto; poiché il suo disordine organizzato lo rende un’opera di grande respiro poetico e melodico.”

Nonsensemag.it, recensione di Emanuela Borgatta Dunnett dell’8 dicembre 2017

Leoni canta, parla e canta, perché la struttura dei suoi testi è teatrale, di un teatro sperimentale, di un teatro moderno, lontano anni luce dai Pirandello e dagli Shakespeare, come è anche giusto che sia, ma vicino a noi.”

Theparallelvision.com, recensione di Elisa Mauro del 19 dicembre 2017

Basta un solo ascolto de Il Lupo Cattivo (Lapidarie Incisioni/iCompany, 2017) per capire che Lucio Leoni è uno che di musica se ne intende per davvero. Presentandosi come un eclettico mix di teatro-canzone, cantautorato, elettronica e punk.”

Cheap-sound.com, intervista di Tommaso Orioli dell’8 dicembre 2017

Con tutti questi ingredienti, “Il lupo cattivo” si realizza come un’interessante indagine su “chi è, cos’è e dov’è”, la scoperta che lo siamo anche noi. Capirne il bene e il male. Accettarlo. E accettare che, se viene la notte, ci mangerà.”

Nightguide.it, recensione di Leslie Fadlon del 22 novembre 2017

Un linguaggio moderno dal sapore antico quello di Leoni, in cui il sapiente uso della parola viene supportato da basi musicali che esaltano testi mai come ora ispirati, potenti.”

Piuomenopop.it, recensione di Antonio Bastanza del 14 novembre 2017

Lucio Leoni […] si ritrova in una foresta di simboli utile non per perdersi, ma per ritrovare la strada. […]Il lupo cattivo è un disco con un peso specifico incredibile, in cui ogni secondo è un condensato di suoni, ricerca testuale, stratificazione linguistica, rievocazione emozionale.”

Lester.roma.it, recensione di Letizia Dabramo del 22 novembre 2017

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi