HANNO SCRITTO DI “GO GO DIVA” DE LA RAPPRESENTANTE DI LISTA

23 Luglio 2019

“GO GO DIVA”

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA

ESTRATTO DI RASSEGNA STAMPA

La Rappresentante di Lista ha presentato il nuovo disco “Go Go Diva” con intervista e minilive in diverse trasmissioni radiofoniche tra cui Rai Radio2 Social Club, Rai Radio 1 Music Club, Rai Radio 2 Rock and Roll Circus ed è stata intervistata in programmi come Rai Radio 1 In Viva Voce, Rai Radio 1 Centocittà, Rai Radio 1 Un giorno da renna, Rai Radio1 Un giorno da gambero, Rai Radio 3 Zazà. Anche il GR1 Rai ha intervistato la band.

Rai Radio 2 ha inserito in rotazione il singolo “Maledetta Tenerezza”, mentre un loro intero concerto è stato trasmesso su Rai Radio2 Indie per Radio2live, in diretta dalla sala B di via Asiago a Roma.

In televisione hanno presentato il disco con intervista e minilive nel programma L’Italia con voi in onda su Rai Italia. Il TG1 Rai ha parlato della band nello Speciale TG1 – Femminile musicale, mentre il canale musicale MTV ha inserito in rotazione i videoclip dei singoli “Questo Corpo” e “Woow”.

Il gruppo, inoltre, è stato ospite di Ernesto Assante nella trasmissione Webnotte di Giorno su Repubblica.it.

Hanno parlato di “Go Go Diva” anche numerosi quotidiani tra cui Il Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Il Fatto Quotidiano, Il Resto del Carlino, Il Messaggero, Il Manifesto, Il Secolo XIX, Il Sole 24 Ore, Il Mattino, La Nazione.

Molte anche le recensioni e le interviste alla band da parte di periodici generalisti e di settore tra cui Internazionale, Pride, Vanity Fair, Rumore, Blow Up, Vinile, Exitwell, Billboard, Mzk News.

Oltre 300 testate online hanno parlato de La Rappresentante di Lista e di “Go Go Diva”, tra cui XL di Repubblica, Rockit.it, Rockol.it, Il Fatto Quotidiano.it che lo ha inserito tra i migliori 10 dischi del 2018, Huffington Post e molte altre.

Infine, oltre 90 radio hanno intervistato la band e presentato il disco “Go Go Diva”.

HANNO SCRITTO DI “GO GO DIVA”

“Queer, il loro rock lo hanno chiamato così. In ‘Go Go Diva’ niente è come sembra: l’immediatezza quasi pop è in realtà lo specchio deformante di una ricerca sonora dove l’elettronica non è arredo, ma sostanza. […] C’è anche, anzi, soprattutto, la melodia, che lubrifica gli incastri tra la voce di Veronica e l’impasto strumentale. Ma a dispetto dei testi in italiano, il risultato ha un sapore che non è di casa nostra; un suono fisico, che pompa sangue nelle vene di un album dove il corpo è tema ricorrente. Un corpo che è anche politico”.

La Repubblica, intervista di Fulvio Paloscia del 06/04/2019

“Il nuovo lavoro de La Rappresentante di Lista, costruito su un cantautorato pop dal gusto a tratti teatrale e arricchito dall’intervento di synth, convince sempre di più”.

Il Corriere della Sera, articolo 02/02/2018

 “Undici tracce da togliere il fiato a causa di un ritmo generale, che miscela narrazione e musica, alto ed intenso. Ma che non dimentica mai tenerezza e profondità. […] Un album che decisamente ci voleva, per dare un volto (e un suono) di freschezza al panorama musicale nostrano, con un coraggio narrativo nel trattare i temi della sessualità, della violenza e dell’amore fuori dal comune, temi necessari di un nuovo immaginario”.

Il Manifesto, recensione di Andrea Cegna del 02/01/2019

“Go Go Diva rappresenta una maturazione artistica, con suoni curati, eleganza stilistica e testi scritti con attenzione, che mostrano una capacità compositiva istintiva e personale, avvicinandoli a un approccio cantautorale”.

La Stampa, articolo del 25/04/2019

“Il nutrito ensemble accompagna le istrioniche doti della cantante con un mix di folk, soul e pop metropolitano”.

Il Messaggero, articolo di del 01/05/2019

“La Rappresentante di Lista sta conquistando un pubblico sempre più numeroso, con una scrittura fortemente visionaria e una sintesi tra cantautorato e sonorità elettroniche. Definendosi loro stessi una ‘queer pop band’, La Rappresentante è un progetto che fonde scrittura, teatro e forma canzone e rappresenta ad oggi una delle realtà più trasversali e interessanti del panorama musicale contemporaneo”.

Il Resto del Carlino, articolo del 23/05/2019

 “Un’elettronica molto pop, che poco importa definire indie o meno, ma che si presenta come una delle novità più interessanti degli ultimi mesi”.

Il Mattino, articolo del 18/04/2019

“Il punto di vista queer sul romanticismo italiano di ritorno. Una partnership in crime che nega il cantautorato come concetto, proprio mentre assembla teatro, racconto e canzone con un piglio autoriale che tra Palermo e Milano, nell’album Go Go Diva trova una messa a fuoco più decisa”.

Internazionale, recensione del 11/01/2019

“Gogo Diva […] è il disco di inediti in assoluto più riuscito, personale e importante tra gli italiani del 2018. Qualche accorgimento per rendere più d’impatto la proposta è stato adottato nel frattempo: più elettronico, asciutto e rock oriented il suono. […] Il grande salto è soprattutto nel songwriting che muove da una soggettivizzazione al femminile dell’universo, questa la metafora del titolo, per farsi ricerca, teatro e luccicanza pop al contempo. Canzoni spietate, sincere, fisiche, incisive, poetiche, capaci di toccare la corda pazza e quella saggia, il dolore, la tenerezza, la carnalità e l’umorismo, il processo e le intenzioni. […] Un nuovo, considerevole traguardo per la rock song italiana”.

Blowup, recensione di Piergiorgio Pardo del 01/12/2018

“Un’altra storia tutta al femminile per Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina. In questo capitolo la femmina protagonista è vitale, vorace, combattiva, dispersa tra crisi e sofferenze, ma per questo viva. Elettrica, eclettica, contemporanea, saltellante tra dub, jungle e jazz, melodicamente totalmente pop. La trasversalità e le capacità cantautorali del duo sono preservate, così come la scarsità di noia”.

Rumore, recensione di Simona Ventrella del 01/12/2018

“Questo nuovo capitolo discografico conferma quanto di buono il complesso ha fatto in questi anni. […] La voce magica di Veronica, il pop elettronico, le soluzioni corali di facile presa, tutti elementi che contribuiscono a un insieme di valore. La Rappresentante di Lista è una bella realtà della nostra musica e questo ‘Go Go Diva’ non fa altro che confermarlo in pieno”.

Vinile, recensione del 01/01/2019

“Un lavoro ancora dalla forte impronta teatrale, con un particolare occhio di riguardo per la scrittura e la forma-canzone. Il disco riconferma l’azzeccato sodalizio tra Veronica e Dario”.

Billboard, articolo del 01/01/2019

“La Rappresentante di Lista è tornata con un nuovo album di inediti che incarna ancor più che in passato l’emotività e la sensibilità dei loro lavori. ‘Go Go Diva’ è un disco passionale ed eccentrico proprio come Veronica e Dario, due anime in grado di dar vita ad un progetto unico nel suo (non) genere, un progetto che ha il fascino e la forza di una donna che accoglie e ama, si incazza e lotta”.

Mzk News, intervista di Alessio Boccali del 01/02/2019

“Una folata di vento che ti scompiglia i capelli ma ti lascia col sorriso: un effetto travolgente che sazia la voglia di musica e di evasione, un gruppo che ci ha abituati al lato più vivo della vita, quello senza etichette. La Rappresentante di Lista è tornata con l’album, Go Go Diva, un nuovo inno alla vita, un gemito di gioia, un omaggio all’essere umano in tutte le sue sfumature”.

La Repubblica XL, intervista di Francesca Ceccarelli del 02/01/2019

“Se c’è una band alla quale dovete prestare la massima attenzione è La Rappresentante di Lista, formazione eccellente che ha alle spalle sei anni di attività e, con l’ultimo “Go go diva” tre album alle spalle. Da non perdere”.

Repubblica.it – Webnotte, intervista di Ernesto Assante del 13/12/2018

“Quella del duo tosco-siciliano è una maturazione artistica che si manifesta nella forma di suoni particolarmente curati, eleganza stilistica e testi scritti con attenzione, che mostrano una capacità compositiva istintiva e personale, avvicinando la band a un approccio quasi cantautorale. […] ‘Go Go Diva’ è un disco importante e La Rappresentante di Lista è un nome con cui dover fare necessariamente i conti quando si parla di autori brillanti”.

Rockit, disco della settimana, recensione di Fabio Piccolino del 07/01/2019

“In Go Go Diva Dario e Veronica sono riusciti a comunicare perfettamente un messaggio complesso, ambizioso e quanto mai attuale, attraverso la loro musica trasversale e visionaria. La musica, nel frattempo, rimane ritmata, energica e più che mai espressiva. […] La Rappresentante di Lista è riuscita nell’intento di portare nel panorama musicale italiano un disco maturo, composto da riflessioni e spaccati di vita personali. La Band ha dimostrato di non aver paura di mettersi a nudo e di mantenere uno stile musicale unico e sperimentale. Go Go Diva si aggiudica sicuramente un posto tra i migliori album italiani dell’Anno”.

Rockon, recensione di Sofia Levorato del 08/01/2019

“La Rappresentante di Lista non ha genere, in tutti i sensi. Non è una band maschile e nemmeno femminile, non hanno bisogno di ‘quote’ prestabilite per trovare equilibrio. E anche stilisticamente non esiste classificazione: c’è il rock, c’è il pop, c’è l’elettronica ma nessun genere sarebbe capace di riassumere questa musica. Proprio questo è la forza di questo gruppo: c’è tutto e ogni ingrediente permette la creazione di una composizione inaspettata e dal sapore sperimentale”.

Huffington Post, live report di Luca Piras del 28/05/2019

 “Questo è un album che con un orgoglio prepotente sbandiera le fragilità del mondo femminile: ogni insicurezza viene usata a favore della donna esperta nell’arte dell’esporsi e conscia di quanta fatica costi un’azione del genere. È un album fisico, corporeo Go Go Diva, che nello sprone presente nel titolo racchiude la spontaneità nel vedersi meno belle, ma al contempo la consapevolezza di avere la forza necessaria a sputare ogni emozione, fregandosene della paura della controparte maschile. I LRDL vogliono ribaltare il canone del “dolcemente complicate”, maledicendo la tenerezza e ridendo degli alibi dei loro compagni, vogliono mostrarsi forti e un po’ incazzate e forse è ora di comprendere questa visceralità”.

Exitwell, recensione di Edoardo Biocco del 23/12/2018

“Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, ovvero La Rappresentante di Lista, nei loro spettacoli, che assemblano più arti al punto di ipnotizzare lo spettatore, raccontano, attraverso l’amore, l’umanità”.

Skytg24.it, intervista di Fabrizio Basso del 24/04/2019

 “Vi basterà vedere un loro live per convincervi del fatto che siano una delle migliori band italiane. I loro concerti sono veri e propri spettacoli teatrali che uniscono la pluralità dei protagonisti esaltandone le qualità di ognuno. Così come la loro musica che alterna momenti nei quali sembra cullarti ad altri che, subito dopo e senza preavviso, con violenza ti riportano alla vita quotidiana. […] Un album che parla delle debolezze umane, dei ti amo che ti stringono la gola, dei muri che Trump vuole costruire e che qualcuno sarà sempre spinto dalla disperazione a scavalcare, dei riti che accompagnano le giornate di ognuno e che puntualmente si ripetono, dei cambiamenti che portano con sé i dolori delle scomparse e la voglia di rinascere. E delle seconde possibilità. Quelle che non mancano mai”.

Piuomenopop, recensione del 14/12/2018

“Non provate ad incastrarla in qualche genere che dia coerenza ai vostri ascolti degli ultimi mesi. Lasciatela entrare e vi scombussolerà. Vi disorienterà, ma con tutta la positività che alberga, a volte, nel perdersi. […] Un percorso che intreccia scrittura e musica come strumenti messi a disposizione di uno spettacolo teatrale, in cui contraddizioni, sogni, paure e fragilità sono interpreti rispettosi e precisi della complessità delle relazioni umane. Serpeggia fra le tracce una femminilità quasi impalpabile, che si rende concreta traducendo le proprie altalene interiori in 11 brani che rappresentano un caleidoscopio di estremi emotivi”.

Indie-zone, recensione di Renato Murri del 17/12/2018

“Il nuovo album de La rappresentante di lista appare come una pioggia di colori caldi e decisi, una pioggia decisa a bagnare la nostra anima parlandoci di amore, paure, tenerezza, panico. […] Go Go Diva è un album potente, isterico e leggero un po’ come il nostro essere, la nostra psiche, costantemente altalenante. L’album è principalmente dominato dalla voce di Veronica Lucchesi, che in questo lavoro supera se stessa, dimostrando ancora una volta come possa essere incredibilmente versatile, intraprendendo brani forti e decisi ma anche dolci e delicati ottenendo in entrambi i casi la massima credibilità. Il tutto è perfezionato dalla musica di Dario Mangiaracina che riesce a trasportarci, con i suoi suoni psichedelici, ridondanti, elettrici nella giusta atmosfera. L’album è sicuramente un lavoro che merita di essere ascoltato, un lavoro che conferma la forza di questo grande duo”.

Nucleo art-zine, recensione di Luigi Marotta del 17/12/2018

“Uno sguardo femminile, e non poteva essere altrimenti. Ma ‘Go Go Diva’ non è solo questo. E’ un disco pienamente corporeo, viscerale, con la fisicità che si trasforma in intimità col procedere del disco, come in un ideale lato A e lato B dei dischi dello scorso secolo”.

Fourzine, intervista di Adalberto Piccolo del 19/12/2018

“Il suono de La Rappresentante di Lista si potrebbe paragonare al letto di un fiume: calmo nel suo stato di quiete, agitato durante la piena, devastante quando cerca di esondare ma che si ferma però sempre al momento giusto, senza mai strafare, senza mai diventare nocivo o, in questo caso, stucchevole. Lo stesso paragone potremmo usarlo nel descrivere la presenza sul palco di Veronica che, da attrice professionista qual è, utilizza ogni muscolo del suo corpo in modo sì teatrale, ma senza mai tradire la dimensione del live club”.

Loudvision, live report di Fabrizio Testa del 29/12/2018

“Go Go Diva è un album vitale, viscerale, persino poetico, come chi in una relazione non ha paura di dire le cose come stanno, di gridare in faccia la verità, dove l’amore è solo un pretesto per un discorso decisamente più ampio. Undici canzoni che in tal senso denotano un’urgenza espressiva, una forza intrinseca che travalica la “forma” e arriva alla sostanza”.

Shake, recensione del 08/01/2019

“Il duo strizza l’occhio a sonorità elettroniche molto pop, ma più profonde e imprevedibili di quanto si possa credere. […] Finalmente in molti hanno riconosciuto una bella voce, che ha carattere, che si distingue, accompagnata da una sonorità e una scrittura di tutto rispetto. […] Il punto di vista femminile prende il dominio. Cambia il corpo, la mente, da ragazza a donna. Di donne carismatiche che hanno raccontato la femminilità, l’essere donna ce ne sono diverse. Anche Veronica Lucchesi ha saputo prendersi il suo spazio trovando il giusto peso nelle parole dei testi. […] Le canzoni de La Rappresentante di Lista meritano di essere approfondite, ascoltate con attenzione, perché sono uno specchio importante di una generazione frenetica nella sua liquidità, ma fragile nei rapporti umani e sentire questa sincerità disarmante fa riflettere”.

Indie for Bunnies, recensione di Massimiliano Barulli del 09/01/2019

“Un live come quello de La Rappresentante di Lista è musica in movimento, cuore che sobbalza ad ogni nuovo riff. La musica si alterna a performance teatrali uniche nel loro genere e assolutamente personali. Il pubblico diventa parte integrante dello show partecipando in maniera attiva con un entusiasmo inenarrabile. Dario Mangiaracina, Marta Cannuscio, Enrico Lupi, Roberto Calabrese ed Erika Lucchesi sono una vera e propria forza della natura. Questi giovani musicisti sono in grado di suonare per ore col sorriso sulle labbra e la gioia nel cuore trasmettendo vibrazioni benefiche. […] Mix di generi, ma nessun genere. E’ qualcosa di nuovo, si, ma non un nuovo senza senso e senza nome”.

Inside Music, live report di Dafne D’Angelo del 25/02/2019

“La loro definizione globale di questo nuovo lavoro è queer. Una direzione più pop ed elettronica rispetto agli album precedenti, strabordante di fisicità. La voce strepitosa di Veronica cavalca le canzoni adattando le modulazioni, vestendo i contenuti dei testi”.

OffTopic, intervista di E. Joshin Galani del 17/01/2019

“Il “Go Go Diva Tour” riesce nell’intento di essere uno di quei live davvero in grado di lasciare ai partecipanti qualcosa di destinato a durare, grazie al modo in cui queste meravigliose e viscerali canzoni sono in grado di toccare nel profondo la sensibilità degli ascoltatori, che nella dimensione del live hanno modo di percepire come queste siano davvero profondamente vissute da Veronica, Dario e dal resto della band, il cui grande merito consiste proprio nell’estendere agli spettatori quel trasporto emotivo che loro stessi vivono in prima persona. Un tour memorabile per un album che ormai siamo certi abbia già lasciato un segno indelebile nella scena musicale italiana”.

Nonsensemag, live report di Fabio Rezzola del 04/03/2019

“Lungi dall’essere un mero ensamble di intrattenitori, quello che La Rappresentante Di Lista fa ogni volta che calca un palco è proporre un’esperienza. Spettacolari e istrionici, suono, luci e movimenti fanno delle loro performance un’opera d’arte totale e interattiva. Il giallo, l’arancione, le calze a rete, le nacchere insieme al sax e alla chitarra elettrica costituiscono un impasto poliedrico che danno in pasto al pubblico affamato di emozioni. Veronica e Dario, che vengono dal teatro, sanno manipolare colori e forme. […] La musica de La Rappresentante Di Lista si infila sotto la pelle generando un DNA comune”.

Music.it, live report di Emanuela Colatosti del 05/07/2019

“Go go Diva, il terzo album de La Rappresentante di Lista, è il diario di un’eroina assettata di vita e parole. Nato da un’incredibile necessità espressiva, il disco si colloca in un territorio diverso rispetto al cantautorato indie tradizionale tanto che gli stessi componenti dichiarano il loro genere queer. Le tracce sono spaccati di vita dominati dal desiderio e dal movimento corporeo, strascichi e conseguenze di una sessualità vissuta senza coperture. Si celebrano l’incontro dei corpi, l’amore e il cambiamento. Il risultato per chi ascolta è una partecipazione totale ai racconti ipnotici di una diva che è pronta a tutto pur di vivere i giorni e le notti fino in fondo. La Rappresentante di lista ha dato voce e corpo ad una femminilità che ignora la reticenza, a uno stile di vita che scongiura l’immobilità fisica e morale, qualcosa che può essere un patrimonio di tutti e andare oltre il genere”.

7tracks, intervista del 28/05/2019

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi