CECCO E CIPO – CON PERMESSO

18 Gennaio 2022

“CON PERMESSO”
IL NUOVO ALBUM DI INEDITI DI
CECCO E CIPO
(BlackCandy Produzioni / distr. Believe)
(Data di uscita: 21 gennaio 2022)

S’intitola “CON PERMESSO” il nuovo album di inediti di CECCO E CIPO, quinto lavoro discografico del duo toscano che ha conquistato l’attenzione mediatica durante le audizioni dell’ottava edizione di X Factor con una performance irriverente e cliccatissima.

Con quasi 6 milioni di stream su Spotify e centinaia e centinaia di concerti in tutta la penisola, Cecco e Cipo negli anni si fanno conoscere e apprezzare da un pubblico sempre più ampio grazie alla loro peculiarità: l’arte del racconto, un talento innato per lo storytelling che li contraddistingue fin dagli esordi, portato avanti nei loro brani attraverso formule sempre pungenti e ironiche.

Anticipato dai singoli “Ancora un’altra volta” e “I due eschimesi dell’isola di Baffin”, “Con Permesso” inaugura una nuova stagione compositiva per il duo. Un album che arriva a tre anni di distanza dal precedente lavoro discografico e che consegna 10 brani figli di una poetica rinnovata, portata avanti con lo stile sincero, acuto e mai banale del duo.

Link al videoclip “I due eschimesi dell’Isola di Baffin”: https://www.youtube.com/watch?v=q9FKHSH2mKM

Link al lyric video di “Ancora un’altra volta”: https://www.youtube.com/watch?v=ASP1c2NoNN8

CECCO E CIPO PARLANO DEL DISCO “CON PERMESSO”

Con permesso è il nostro quinto lavoro in studio. Si tratta di un progetto seminato all’incirca due anni fa, cresciuto durante il lockdown e fiorito nel 2021. Sarà pronto per essere colto in questo nuovo anno.
È un disco nato in un periodo storico e personale molto delicato: voler vivere di musica mentre è in corso un’epidemia globale è una scelta coraggiosa, che non abbiamo mai messo in discussione, ma che ci ha sicuramente rallentato e, siamo onesti, ci ha portato anche a cercare qualche lavoretto che ci garantisse piccoli extra.
Per assurdo, forse la chiusura generale ci ha stimolato ancora di più; abbiamo approfittato del periodo passato in casa per incrementare i pezzi, abbellire la scrittura e caratterizzare nel modo più personale (e allo stesso tempo fruibile) possibile tutte le nostre produzioni.
Vi accorgerete che l’amore domina incontrastato, ma verrà distribuito nei 10 pezzi sotto varie sfaccettature: ci sarà quello per l’ambiente, quello per se stessi, quello per Lei, quello per la poesia, quello da interpretare come preferite.
Abbiamo usato la parola assurdo in precedenza, termine che spesso è stato usato per definire il nostro universo. Questo concetto non si perderà, perché cercheremo anche in questo caso di accompagnarvi nel nostro mondo, se voi vorrete ovviamente, con permesso.
Ma per questo lavoro in particolare abbiamo una forte dichiarazione d’intenti: prendeteci sul serio. Perché in fondo, “quando si scherza bisogna esse’ seri!”. Siamo adulti, abbiamo molti capelli bianchi, siamo pure un po’ ingrassati.
E siamo arrabbiati, molto; il tempo ci sta pesando, l’assenza dai palchi ci sta pesando, tutto questo periodo ci sta pesando e non ne possiamo più.
Abbiamo voglia di farci capire, di arrivare a chi non siamo mai arrivati, di suonare dove non abbiamo mai suonato.
Vogliamo essere degli assurdi professionisti.


TRACKLIST “CON PERMESSO”
01 – Che fine ho fatto
02 – Ancora un’altra volta
03 – Meteora ’98
04 – Tieni il passo con l’amore
05 – Il circo delle pulci
06 – Il comportamento degli esseri umani
07 – Ossigeno
08 – I due eschimesi dell’Isola di Baffin
09 – Ragno tessitore
10 – Crudo e zabaione

Etichetta: BlackCandy Produzioni
Distribuzione: Believe
Booking: Kashmir Music
Ufficio Stampa e Promozione: Big Time

CREDITS DISCO
Prodotto da BlackCandy Produzioni
Sponsorizzato da Sammontana

Registrato, prodotto e mixato da Samuele Cangi, Tommaso Giuliani e Federico Gaspari al Blue Moon Studio di Firenze, ad eccezione del brano “Ancora un’altra volta”, prodotto al GRS Studio di Firenze, con la collaborazione di Lorenzo Buzzigoli

Master a cura di Niccolò Caldini presso il Tea Room Mastering Studio

Testi, voci e musiche di Fabio Cipollini e Simone Ceccanti
Batteria e percussioni di Tommaso Giuliani, basso di Samuele Cangi, chitarre elettriche di Federico Gaspari
Chitarre acustiche di Fabio Cipollini, Simone Ceccanti e Samuele Cangi
Pianoforte e tastiere di Samuele Cangi e Francesco Cangi
Tromba di Samuele Cangi, trombone di Francesco Cangi
Violino di Glenda Regis, Violoncello di Novella Curvietto
Cori di Samuele Cangi, Antonio Bollettino, Federico Gaspari, Valerio Martino Fanciano, Stefano Ciancitto e Erika Boschi

CECCO E CIPO PARLANO DEL NUOVO DISCO BRANO PER BRANO

01_CHE FINE HO FATTO
Il brano che fa da prologo a questo nuovo album.
Il racconto di che fine abbiamo fatto, tra pregi e difetti, tra vittorie e sconfitte amorose, tra la musica e la vita, attraverso il dialogo con un (presunto) fan incontrato per strada.

02_ANCORA UN’ALTRA VOLTA
Come quando una farfalla si poggia sulla nostra spalla e veniamo delicatamente scaraventati di fronte all’immensa bellezza della vita, così, quando lei poggia la testa sulla nostra spalla, chiediamo che quel momento non finisca mai, come fossimo in loop temporale.

03_METEORA ‘98
Sei stata solo una meteora, è vero, mi hai insegnato che l’amore non ha bisogno di parole, che si può ballare anche male, basta ballare, e che un’altra estate tornerà.

04_TIENI IL PASSO CON L’AMORE
Fiumi di parole per questo pezzo. Probabilmente abbiamo dovuto pure sacrificarne qualcuna! Perché quando incontri una persona speciale spesso ti ritrovi in un solo istante catapultato dentro a un’altra dimensione. Un universo parallelo dove non ci sono regole e dove è facile quanto bello perdersi. Ma non c’è da avere paura. L’importante è riuscire sempre a incontrarsi di nuovo.

05_IL CIRCO DELLE PULCI
Scusa se non sono come vorresti. Non ti porto sulla luna, perché è una cosa da tutti. Ma ti porto a vederla da dove non l’hai vista mai.

06_IL COMPORTAMENTO DEGLI ESSERI UMANI
Accomodarsi, sperare, ma non agire, perché ormai è troppo tardi per migliorare. Ci si consola e si prova invidia nella specie animale, gli unici a vivere in simbiosi con la terra, senza creare danni, gli unici che si lasciano scorrere la natura addosso come deve essere, senza mai rovinarla.
Un coro in lingua swahili canta “sote tutakufa” ovvero, “moriremo tutti”.

07_OSSIGENO
“Sapore di suoni da fotografare, racconti da scrivere, da respirare”. È racchiusa in questo piccolo periodo l’essenza di questa canzone: 3 minuti e mezzo di elogi alla semplicità che si respira in una storia d’amore, raccontati con leggerezza e musicalità grazie all’aiuto di una fondamentale sezione di fiati (per l’appunto).

08_I DUE ESCHIMESI DELL’ISOLA DI BAFFIN
Un brano per sfuggire all’amore, alla tentazione, fino a perdere la testa e non capire più cosa fare o dove andare. “Come prende bene” ripetuto tante volte, a squarcia-gola e senza prendere fiato, per provare a rassicurarmi.
Peccato, se solo fossimo stati due eschimesi, sull’Isola di Baffin, dove in inverno il sole batte solo 4 ore al giorno, quella notte in cui ci siamo innamorati sarebbe durata 6 mesi, invece che una notte.

09_RAGNO TESSITORE
Un sogno ad occhi aperti questo pezzo. Non esistono confini spazio temporali, l’unico filo conduttore è sottilissimo e insidioso come quello di una ragnatela. Sono riuscito a catturare la tua attenzione?

10_CRUDO E ZABAIONE
Tutta la nostra follia convogliata in questo brano psichedelico, per dire che “son sicuro di cosa non voglio, ma non so mai quello che voglio”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi